Archivio per febbraio 2013

Allenamento 18-24/2/13

Febbraio ormai è finito e nei miei programmi doveva essere il primo mese di outdoor e di approccio alle tecniche: neve e gelo hanno rallentato un po’ questo aspetto.

lunedi : prima nuova sessione di braccia, poi al corso abbiamo incentrato la parte tecnica su volteggi un po’ più difficili e un po’ di preacrobatica con potenziamento annesso (verticali, spalle, flessibilità).

martedi: ho imporovvisato un po’ di arrampicata urbana (visto che non si riesce ad avere una palestra affidabile), e sopratutto approfittando di una serata non freddissima e con ancora un poco di luce. Cose semplici ma ottimo per non perdere “le mani”

mercoledi: corso al circo, ho un po’ di dolore al dorsale destro (il giorno prima sono partito senza riscaldamento, e l’ho sentito, mai essere pigri o di fretta!). Allenamento ancora di potenza per le braccia, aggiungendo le climb up e dei piccoli wall hop in esterna. Poi tecnica di salti in successione veloci e precisi.

giovedi: acrobatica al circo, esercizi a coppie e divertenti, un po’ di potenziamnto sugli attrezzi aerei e poi salto avanti. Non male , anche se con l’uso del trampolino.

venerdi: condiziono di braccia come da tabella, le muscle up le ho dovute spezzare in una ogni 30 secondi, le sbarre erano troppo fredde per mantenere la presa.

Speriamo di recuperare un po’ di tecnica in esterna a marzo, magari con qualche allenamento supplementare anche per i corsi! PS: lunedi faro un test 100 e 200 metri, condizioni di neve permettendo.

Annunci

Allenamento 11-17/2/13

Inizio questo post, dell’allenamento della settimana scorsa, con una nota un po’ amara: mi capita di confrontarmi con le mie passioni e quello che portano, in concreto. Mi capita di percepire la furbizia di chi tenta di dimostrare cio’ che vorrebbe essere ma che gli riesce in parte, perchè dotato di molto orgoglio.

Mi capita su facebook, in rete sui forum, social network e anche di persona a volte, mi capita di leggere e sentire atleti perfetti, arrampicatori audaci, eroi da guerre stellari; cuochi e cuoche provetti, sciatori che spaccano, traceurs imbattibili e pronti a ogni fatica, allenamento, cerchio della morte.

Poi boh, c’è la realtà, il mio paesello buco del mondo al buio e al freddo di questo inverno lungo in cui ad allenarci seriamente e duramente siamo in 3 , dove lavoro tutto il giorno per mantenermi e dove le persono che conosco che sanno cucinare decentemente hanno dai 60 anni in su. I ragazzi hanno difficoltà a correrre, a saltare, a fare 10 piegamenti decenti, a sollevarsi da seduti a in piedi senza mani.A fare la minima fatica. La passione si misura nel mondo reale, nel concreto passare le mani gelide sui muri grigi. Sullo svegliarsi e cercare di esplorare se stessi e il mondo circostante, sul darsi degli obbiettivi e cercare di raggiungerli, cercando di non farsi influenzare da tutti i venticelli che ci sfiorano, anche se a volte molto piacevoli. Sacrificando qualcosa, sicuramente, facendo scelte. A me non interessa minimamente di dare un ordine di importanza a queste persone, ma a volte per la debolezza di una passione ferita, mi piacerebbe poter far valere i miei valori. Come possiamo essere affidabili se ogni impegno preso , anche solo con noi stessi, puo’ essere stravolto da qualunque oppurtunità che ci pare gradevole?? Quante volte mi viene da pensare: “Ma dove cazzo siete?dove eravate?”

Costi quel che costi, voglio rimane cio che sono e apprendere piano piano cio’ che mi appassiona veramente. Nel mio piccolo e a volte solitario spazio, ma almeno sincero . In realtà spero solo in questo, un po’ più di sincerità verso se stessi prima di tutto.

Allenamento:

lunedi:Dopo un piccolissimo richiamo di braccia, corso: palestra chiusa per carnevale,allenamento esterno dopo una giornata di nevicata. Ne approfittiamo per fare una piccola corsa fino ai Lagoni di Mercurago, parco naturale, con qualche piccolo offroad tra ruscelli ghiacciati e rami secchi. La neve avvolge tutto ed è quasi un peccato affrontare tutta questa pace di corsa. Qui il tracciato satellitare su mappa.

martedi: Yoga, maestro diverso, mi ha spezzato i lombari e i bicipiti femorali! con esercizi apparentemente semplici, ma con una tenuta di un po’ di minuti (sopratutto alcune flessioni laterali del busto da in piedi). Il problema è che ha sofferto un po’ la cervicale su alcuni ponti e candela.

mercoledi: Corso al circo Clap, accuso la fatica del test della settimana prima e della fatica della corsa. Questa è sicuramente la settimana in cui supercompensare. 🙂 . Con i bimbi lavoro  sulla quadrupedia e roll avanti e indietro, con gli adulti usciamo e giochiamo con un po’ di movimenti in scioltezza al parco giochi, spin, elicottero, volteggi. Freddo che sale, torniamo per lo streeching.

giovedi: Acrobatica la Circo, un po’ di gioco con esercizi a coppie davvero divertenti e propedeutici, e poi qualche movimento specifico di ribaltata e salto avanti.

venerdi:Autogestione del liceo scientifico due gruppi, dalle 8 alle 10 il primo, dalle 10 alle 12 il secondo. il primo gruppo sono circa 40 persone. Per fortuna a darmi una mano ci sono un paio dei ragazzi del corso più esperti (Marco e Mattia) e Simone , di un gruppo di allenamento di Borgomanero, no-cage team. Il corso fila liscio e con buone soddisfazioni, c’è una buona concentrazione e riusciamo a lavorare su stazioni diverse in piccoli gruppi. A mio parere , esperienza positiva, per tutti e cerchio finale con i piegamenti che ti spezzano. le foto qui!

In serata preparo la tabella per le prossime 3 settimane per poi ritestare con la stessa prova. ora che le ho digitali, settimana prossima le posto.

sabato: Corso a Gallarate, presso Fusion Dance Project. ottimo allenamento! ci viene a trovare Nik (esperto traceur della zona e amico) che approfitta della struttura della palestra per provare qualche movimento. Speriamo in una più ampia partecipazione, magari per partire con corsi nella zona. Allenamento lungo dove possiamo allenare un po’ il corpo con qualche esercizio a coppie, la tecnica e la mente con qualche salto di braccia un pochino più in alto, e poi divertirci con altri movimenti di fluidità e acrobatici.

domenica: Frequento un seminario di shatsu. Interessante. ora conosco i punti delle 7 stelle di hokuto………No non è vero, ma è stato molto rilassante. Grazie anche a chi me lo ha consigliato e mi ha dato la sveglia per frequentarlo!

Allenamento 4-10/2/13

Piccolo riassunto della settimana:  il punto principale è che non ho superato quanto mi ero promesso e quindi proseguiro’ ancora con la tabella.  Credo di dover fare un miglior compromesso con i climb up, dipendono moltissimo dal muro su cui si effettuano: 7 di seguito possono essere davvero lontani quanto invece facilmente ottenibili.

Lunedi corso, cominciamo con gli outdoor anche se la temperatura e la luce sono a livelli infimi. Null’altro che un’ostacolo in più, anche perchè dopo un po’ di movimento ritorna il consueto caldo. Allenamento vario con un po’ di condizionamento tramite il movimento e tecnica divisa in due piccoli gruppetti. Spot nuovo per il gruppo. Si ripetono una decina di volte i movimenti fondamentali (corsa, salti, quadrupedia, arrampicata), in diverse situazioni.

martedi, arrampicata:inizio ad ambientarmi un po’ nella palestra e gira bene sul pannello, faccio qualche boulder un po’ più duro (senza finirlo), ma fino a quando non ne ho più. Finisco con qualche salita con la corda, semplice selmplice, più per non perdere il feeling io e la mia compagna di cordata.

mercoledi, test fisico + corso parkour. E’ un po’ il giorno della prova e ammetto che sono stupidamente un po’ emozionato. Ho poco tempo e faccio un riscaldamento penoso, e sento la fatica del giorno prima bella presente.

Il test è:

2 serie da 5 muscle up + 2 serie da 7 climb up + 2 serie da 10 pull up + 2 x 3 handstand pushup. (pause di 3 minuti tra ogni serie ed esercizio)

Sui muscle up, anche se lenti, tutto  ok. bene. sui climb up come scritto non concludo la prima serie, sento il dorso freddo e  non seguirmi più. Il muro era tra i peggiori possibili (zero grip sui piedi, presa dolorosa). Riprendo con 10 di seguito su muro invece facilitato (grip assoluto e presa quasi completa), e le concludo. i pull-up buoni i primi 10, la seconda serie mi fermo a 8, le altre due sarebbero  state incomplete. Ovviamento zero kipping. Finisco con gli hspu, che vanno, ma il problema è che ne farei anche 5 in una serie, ma non completi (ovvero la testa non tocca il pavimento e le braccia sono troppo larghe, un pessimo modo per considerarle complete). Conclusione lavorero’ per ottenere almeno una hspu completa decente e sulle climb up (Cosa che non lavoravo direttamente da tempo), alleggerendo un po’ la tabella fin qui seguita per aggiungere qualche movimento più specialistico.

A seguire ho il corso, in esterna, anche qui sono felice dei progressi e di alcuni passaggi aperti dai ragazzi: davvero ottimo. Il resto è un circuitino con qualche problem solving e un po’ di scioltezza tra le panchine di marmo.

giovedi:  acrobatica con il circo, mi sono deciso e lo seguiro fino alla fine dell’anno. Assorbo un po’ di rudimenti e progressioni di allenamento che sicuramente mi saranno utili anche come insegnante. Intanto affino quel poco che so e provo in sicurezza flick avanti e indietro (Che faccio quasi tutto da me!), sono contento per la prima volta!

sabato mattina,  anche grazie ai ragazzi che mantegono la passione del parkour e dell’allenamento fuori dai corsi, ci tiriamo insieme per un allenamento in uno spot che ritengo la “piccola vauxall” del Novarese (vabbe’ esagero). E mi tolgo un paio di soddisfazioni di movimenti tosti (non complicati, solo al limite delle mie possibilità). Finiamo con 30 climb up, divisi a set di 2 3 4 ripetizioni. Iniziamo a volumizzare anche i climb up.

 

Allenamento 28-3/01e02/13

Piccola recensione della settimana appena passata, grazie a chi legge nonostante la lunghezza e nonostante gli argomenti :

lunedi, prima potenziamento braccia personale, basato su qualche progressione sempre da verticale, muscle up agli anelli, e lever alla sbarra (ovviamente tentativi di progressioni, più che progressioni vere e proprie). Poi al corso, tecnica con movimenti singoli un po’ più duri e movimenti in scioltezza, per finire con dei circuitini esplosivi e pliometrici, circuito condizionante e per finire, tabata burpees. Conclusione della fase di potenziamento di gennaio.

martedi, Yoga, sessione più di equilibrio e comunque sempre ottimo recupero attivo.

mercoledi, lezione riuscita meglio con i ragazzi più giovani del circo dopo qualche modifica all’organizzazione della sessione, e poi ultima lezione “condizionante” per i ragazzi più grandi: esercizi di controllo di atterraggio, balzi pliometrici, e ancora controllo. Si finisce con potenziamento braccia per gli ultimi 45 minuti.

Giovedi ho un po’ per caso provato acrobatica al circo e devo dire mi è piaciuto parecchio. Ora si tratterà di concentrare tutte queste prove verso un obbiettivo, ma la scelta non è mai semplice. Comunque mi è servito moltissimo per capire che il lavoro che sto facendo in autonomia è sulla strada giusta.

Sabato Outdoor con ParkourWave a Bergamo: un paio di ore di allenamento in esterna, con i ragazzi dei corsi di Bergamo e istruttori al gran completo! Bel riscaldamento con un paio di movimenti non male, ci dividiamo un due gruppetti, e partecipiamo a qualche movimento più difficile, dove la difficoltà è sicuramente aumentata dall’umido della pioggia appena finita. Qualcosa mi porto a casa, che fa sempre bene.

Settimana prossima faro’ il test di forza sulle braccia, se andrà, pubblichero’ la tabella seguita, altrimenti proseguirò per un altro mese circa. Intanto si iniziano gli outdoor anche ad Arona. Partecipate!

Annunci